Ecosistema Garmin per Ciclismo

Garmin possiede forse il più completo catalogo di accessori disponibili per il mondo del ciclismo, dai computer di bordo, ai sensori di velocità e cadenza, alle luci e molto altro. La connettività tra di loro è perfetta ogni singolo elemento può essere interfacciato e controllato da un’altro dispositivo e alla fine ogni dato viene registrato e reso disponibile tramite Garmin Connect. Vediamo quale può essere una configurazione di partenza per avere un buon sistema telemetrico di raccolta dati senza anche ad andare a spendere una follia perché le possibilità sono praticamente infinite.

Vediamo di analizzare un sistema con computer di bordo di ultima generazione con relativi sensori di velocità, cadenza e cardio, una luce posteriore radar per rilevamento veicoli, molto importante per la sicurezza e una telecamera per poter analizzare il proprio percorso.

Garmin Edge 820

Il nuovo Garmin Edge 820 è un ciclo computer molto leggero compatto, impermeabile IPX7 e con un display touchscreen capacitivo a colori da 2,3″ ad alta risoluzione con una interfaccia utente tutta nuova e con praticamente le stesse funzioni del fratello maggiore l’Edge 1000. Nella confezione del bundle completo troviamo oltre al ciclo computer con la sua staffa e 2 guarnizioni di diverso diametro per agganciarlo a manubri con diametro diverso e un supporto senza staffa, una fascia cardio Garmin Premium, un sensore di velocità e un sensore di cadenza con i suoi elastici per agganciarlo ai pedali. Il caricamento avviene attraverso una porta micro USB posta sul retro del dispositivo coperta da uno sportellino di gomma che serve a mantenere l’impermeabilità.

La configurazione dell’Edge 820 è molto semplice e la connessione dei dispositivi attraverso l’apposito menù delle impostazioni è immediato grazie al suo protocollo di comunicazione ANT+ i dispositivi vengono rilevati immediatamente. Il dispositivo  offre un monitoraggio avanzato delle prestazioni come il massimo volume di ossigeno consumato per minuto (VO2Max), soglia di potenza (FTP), avviso di recupero e dinamiche di ciclismo avanzate.

Le principali caratteristiche di questo ciclo computer sono:

  • Garmin Cycle Map precaricata con calcolo del percorso e indicazioni delle svolte
  • Display touchscreen a colori da 2,3″, ricezione GPS/GLONASS e impermeabile IPX7
  • Fino a 15 ore di autonomia o fino a 24 ore in modalità Battery Safe
  • Funzione GroupTrack per monitorare la posizione dei componenti del gruppo
  • Altimetro barometrico, bussola GPS e sensore di temperatura esterna integrati
  • Funzione Round-Trip-Routing e pianificazione del percorso dallo strumento
  • Funzione di rilevamento incidenti con invio SMS di soccorso
  • Compatibile con i sistemi di sicurezza Varia Radar e Varia Lights
  • Compatibile con fasce cardio e sensori di velocità e cadenza
  • Compatibile con rulli e cambi elettronici ANT+
  • Compatibile con Vector® per dinamiche di ciclismo avanzate
  • Fornisce la stima del VO2 max e dei tempi di recupero
  • Funzione Segmenti tramite Garmin Connect o STRAVA
  • Smart Notification1 e connettività wireless via Bluetooth®
  • Compatibile con Garmin Connect Mobile
  • Download di app e widget tramite Connect IQ

Il modello Explore si differenzia da questo in quanto non compatibile con i misuratori di potenza ANT+, non possiede Virtual partner (per sfidare un avversario virtuale come il tuo record sul percorso), non ha allenamenti avanzati e intervallo di allenamento, non si interfaccia ai cambi elettronici tipo Shimano Di2. Inoltre non possiede le analisi avanzate delle prestazioni e della potenza: incluso VO2 max, rilevamento FTP, Watt/kg, condizione delle prestazioni, soglia anaerobica, stress score, dinamiche di ciclismo avanzate, sfide tramite i segmenti in tempo reale di Strava.

I comandi avvengono attraverso il touch screen e tre tasti fisici, due sul fondo e uno in alto sulla sinistra

  1. Il pulsante di accensione. Situato in alto a sinistra. Una breve pressione può essere utilizzata per entrare in modalità sleep o per riattivare il dispositivo. Se si tiene premuto più a lungo possiamo scegliere se bloccare lo schermo accendere o spegnere l’Edge 820.
  2. Il pulsante contrassegnato da una freccia circolare, che ci permette di contrassegnare un Lap manualmente.
  3. Il pulsante Start – Stop, per avviare e fermare il timer.

Sensori integrati

L’Edge 820 integra i sensori ABC (Altimeter, Barometer, Compass) che migliorano l’esperienza di navigazione. L’altimetro indica la quota e, in combinazione col barometro, rileva la pendenza della salita, mentre la bussola GPS indica la direzione mentre sei in movimento.  La connessione al GPS è molto veloce lo stato della connessione si vede immediatamente nella parte alta del dispositivo oppure in modo avanzato facendo scorrere il dito dall’alto verso il basso per aprire un menù a tendina che ci fornisce più dettagli sulla potenza del segnale GPS, sulla luminosità del display sullo stato dei sensori e del Bluetooth, e si possiede anche una connessione bluetooth 4.0. IL refresh del GPS è a da 1Hz quindi molto preciso.

Impostazioni e corsa

Le schermate dai dati da visualizzare durante l’allenamento sono configurabili. Selezionando Menu > Impostazioni > Profili attività, scegliendo tra le tre modalità presenti (Train, Indoor o Race) si dispone di 5 pagine modificabili per ognuno dove possiamo impostare il numero di campi di dati da 1 a 10.

Per ogni singolo campo possiamo selezionare l’unità di misura che ci interessa far apparire sul display scegliendola tra le categorie presenti:

Cadenza / Calorie / Percorsi / Dinamiche di ciclismo / Distanza / Quota / Rapporti / Generale / frequenza cardiaca / Rulli indoor / Luci / Navigazione / Prestazioni / Potenza / Velocità / Timer / Allenamenti /

All’interno di ognuna sono moltissime le opzioni di dati disponibili.

Inoltre, se si utilizza un cambio elettronico Shimano Di2 o SRAM eTap, è possibile personalizzare i campi dati per visualizzare i rapporti anteriore e posteriore, o il livello della batteria del cambio, associandolo prima all’Edge 820 tramite protocollo ANT +.

Per iniziare un allenamento che sia indoor, outdoor o una corsa  una volta selezionata la modalità premiamo il pulsante Start per avviare il Timer. E’ possibile impostare il Garmin Edge 820 per avviare automaticamente il timer superata la velocità impostata, utilizzando la nuova funzione di avvio automatico.

Al termine di un allenamento, premiamo il pulsante Stop e selezioniamo Salva corsa. Viene visualizzata una pagina di riepilogo, e se si è attivata l’opzione di auto upload, la corsa viene automaticamente caricata al nostro account Garmin Connect. E’ presente anche una modalità GroupTrack che potete usare per visualizzare la posizione sul tracciato di un vostro amico.

 

Varia™ Bike Radar per reggi sella

Un dispositivo molto importante per la vostra sicurezza su due ruote perché vi informa sulla posizione delle macchine che si trovano alle vostre spalle. 

Innanzitutto per un eventuale acquisto esistono due bundle, uno con monitorino e uno senza, se possedete un ciclo computer tipo l’Edge 820 non avete bisogno del monitor aggiuntivo in quanto la funzione di visualizzazione viene svolta direttamente dal ciclo computer.

Il radar deve chiaramente essere aggiunto come dispositivo dalle impostazioni, a quel punto apparirà sulla destra dello schermo una sottile riga in cui scorreranno i puntini che identificano le automobili in arrivo alle vostre spalle.

  • Il radar ti avvisa dei veicoli in avvicinamento alle tue spalle fino a una distanza di 140 metri
  • Funziona in autonomia e si integra in modalità wireless con i GPS bike computer Edge compatibili
  • Un Garmin Edge o un’unità Varia possono rilevare più veicoli e indicano la velocità di avvicinamento relativa e il livello di pericolo
  • Il radar posteriore si illumina e lampeggia per avvisare i veicoli in avvicinamento della presenza di un ciclista sul loro percorso

Il montaggio è semplice e immediato. E’ come montare un qualsiasi Edge. Basta montare il supporto sul manubrio o sull’attacco e quello della misura adatta sul reggi sella e apporvi con 90° di rotazione le due unità. Appena accese, subito si riconoscono fra loro e le due lucine bianche front/rear si illuminano, come quella blu del collegamento wireless, quella verde corrispondente al ciclista e le due rosse dell’unità radar dietro.
Ad ogni autoveicolo che entra nel raggio d’azione oltre i 10 kmh le luci posteriori si illuminano di due in due sino a 8 e quella anteriore diventa arancione o rossa e viene visualizzato l’avvicinamento dei veicolo, o dei veicoli con i led che si avvicinano a quella del ciclista. La modalità luce fissa o intermittente dell’unità posteriore si può selezionare con la pressione del tasto di accensione.

I led si spengono a veicolo affiancato e subito dopo la luce del ciclista torna verde. Le auto che si accodano senza superare non vengono rilevate, idem quando si accodano decelerando, così come non vengono rilevati i ciclisti se si è in gruppo o che raggiungono l’unità.

Per quanto riguarda la durata della batteria la durata media è di circa 4,5 ore e viene ricaricato con una porta micro USB posta sul retro del dispositivo coperta da uno sportellino di gomma per mantenerlo impermeabile.

VIRB® Ultra 30

La Virb 30 è l’ultima nata delle action cam made in Garmin. Vediamo innanzitutto le specifiche di questa camera:

Dimensioni fisiche

  • Dimensioni unità (LxAxP): 57,5 L x 45,9 A x 31,3 P mm; 79,0 L x 75,5 A x 39,9 P mm, con custodia impermeabile
  • Dimensioni schermo: 44,5 mm diagonale
  • Peso unità: 87,9 grammi, con batteria; 65,2 grammi, senza batteria
  • Impermeabile: sì, fino a 40 metri con la custodia impermeabile inclusa
  • Memoria (richiede una scheda microSD™ classe 10/UHS-1): scheda microSD fino a 128 GB (non inclusa; vistare il sito Garmin.com/VIRBcards per informazioni sulla compatibilità)
  • Batteria: ricaricabile agli ioni di litio (1250 mAh)
  • Durata della batteria: fino a 2 ore e 15 minuti a 1080p/30 fps; fino a 1 ora e 15 minuti a 4K/30 fps

Video

  • Prestazioni: 4K/30 fps; 2,7K/60 fps; 1080p/120 fps; 720p/240 fps e 480p/300 fps
  • Microfono ad alta sensibilità: sì, eccellente anche nella custodia impermeabile
  • Stabilizzazione delle immagini: 3 assi (1440p/60fps | 2.7K/30fps)
  • Controllo manuale dell’action cam: sì, con anteprima in tempo reale
  • Bitrate massima: 60 Mbps
  • Vista estesa (campo visivo estremamente ampio): sì
  • Momenti salienti dei video: automatico e manuale
  • Creazione video automatica: sì, tramite app desktop

Foto

  • Risoluzione: 12 MP, 8 MP
  • Sequenza fotogrammi: fino a 60 fps
  • Controllo manuale dell’action cam: sì, con anteprima in tempo reale
  • Scatti notturni: sì

Connettività

  • Sensori esterni: ANT+, Bluetooth®, Wi-Fi®
  • Audio Bluetooth: sì
  • App per dispositivi mobili (controllo, modifica, condivisione): sì
  • Streaming HD in tempo reale su YouTube® HD (con app): sì
  • Streaming in tempo reale in HD su Garmin VIRB Ultra 30 in 720p30. È necessario connettere VIRB alla rete Wi-Fi con accesso Internet.

Semplicità

  • Controllo con un tocco: sì
  • Telecomando: Dispositivi Garmin, app per dispositivi mobili
  • Sincronizzazione di più action cam: automatica
  • Momenti salienti dei video: automatico e manuale
  • Controllo vocale: sì
  • Touchscreen a colori: sì
  • Mirino (vedi quello che stai registrando): sì
  • Riproduzione (vedi quello hai registrato): sì, con audio

G-Metrix™

  • GPS ad alta sensibilità: 10 Hz
  • Accelerometro: sì
  • Giroscopio: sì
  • Altimetro: sì
  • Bussola: sì

Anche questo dispositivo Garmin è compatibile con il ciclo computer Edge 820 e con moltissimi altri accessori Garmin. Se ad esempio se come me possedete anche un Vivoactive HR potete scaricare l’applicazione apposita anche attraverso Garmin Express che vi consente di comandare la camera direttamente dal vostro smart watch.

Contenuto della confezione

Nella confezione potete trovare moltissimi accessori per attaccare la vostra camera da qualsiasi parte, su un casco, su una superficie piana e molto altro. La custodia in plastica trasparente e ben solida è dotata di due tipi di sportelli, sostituibili in base alle necessità, uno che serve a renderla impermeabile e resistente fino a 10 ATM e uno che serve in caso si necessiti di un altimetro. In più viene fornito il cavo per l’alimentazione, un cavo mini USB (non si capisce come mai non abbiano usato il micro) oltre che alla batteria. L’accessorio però più importante, per un ciclista, lo dovete comprare a parte ed è una staffa che consente di vere ciclo computer e camera sulla stessa posizione. Lo potete trovare al link a fine pagina di Amazon. Gli attacchi degli accessori sono compatibili Hero.

Uso della camera

La camera è veramente solida e ben costruita.  I menù sono semplici e intuitivi, lo schermo touch non è sempre super reattivo la risposta è comunque buona.

La qualità video e la qualità della lente sono ottime, c’è la possibilità di impostare un angolo wide oppure due livelli di zoom, forse la stabilizzazione è leggermente meno buona della Hero 5 ma comunque di buon livello. Il fruscio del vento prodotto dal movimento viene attenuato benissimo dall’innovativo sistema Garmin integrato nella custodia, i fruscii si sentono ma non sono estremamente fastidiosi.

Il GPS con refresh a 10Hz è di una precisione veramente importante e la connessione ai satelliti è molto rapida.

I comandi vocali , presenti in questa cam, sono però al momento in inglese e con il case chiuso la gestione software è più impacciata tramite i tasti fisici. Bene comunque la visibilità in esterna.

La durata della batteria dipende molto da che formato di video che usate e che tipo di connettività attivate. A 1080p con Wifi e bluetooth disattivati arrivate a quasi 2 ore, chiaramente a scendere aumentando risoluzione e connettività. Si può anche collegare lo smartphone sulla WiFi che genera la camera, in questo modo con l’applicazione VIRB la si può comandare con un iPhone o con un Android. 

Alla fine di tutto con Virb Edit potete gestire i video e aggiungere una delle miriadi di overlay G-Matrix già presenti nel software, l’effetto è veramente incredibile.

Infine la domanda più importante, è meglio la Hero 5 o la Virb 30… Diciamo che si equivalgono molto, ma le funzioni sportive che da Virb 30 sono veramente di livello assoluto.

This entry was posted in Tecnologia.

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*